Tutti gli articoli

Siete interessati ai nostri servizi?

Contattateci
#TheComdataBackstage Colombia

Iscriviti per maggiori contenuti

Mentre il mondo si ferma e le strade si svuotano, la linfa vitale dell’economia continua a scorrere: non solo negli uffici, ma anche nelle case dei lavoratori più determinati e nelle reti capillari del web. Mentre gli operatori sanitari sono in prima linea per salvare vite umane, a contribuire alla battaglia contro il coronavirus ci sono, in seconda linea, anche tutti gli altri lavoratori: così, al termine della pandemia, la vita potrà riprendere e i mezzi necessari per viverla saranno di nuovo a disposizione.

“I nostri sforzi stanno dando i loro frutti”

In America Latina i clienti sono rimasti molto colpiti dalla celerità e dall’efficacia con cui Comdata ha gestito l’emergenza, tanto che William, uno dei nostri agenti, riferisce un vero e proprio boom degli affari.

Il nostro servizio ha raggiunto il 100% dell’obiettivo mensile e siamo stati tra i primi a sviluppare una strategia per lavorare da casa”, racconta. “In meno di una settimana eravamo perfettamente operativi”.

Nelle città colombiane ci sono state delle restrizioni alla mobilità, perciò abbiamo dovuto distribuire parte delle attrezzature con i nostri veicoli, consegnandole casa per casa. I nostri team operativi e tecnologici hanno avuto bisogno di 15 giorni di lavoro”.

Un risultato straordinario, ma non è tutto: oltre a trasferire più di mille postazioni di lavoro nelle case dei dipendenti Comdata a causa delle severe restrizioni riguardanti gli spostamenti, hanno anche trovato il tempo di elaborare una turnazione per ritirare la spesa e consegnarla a chi lavora da casa.

#Real people Colombia

Stiamo facendo leva sul nostro spirito di assistenza per offrire un contributo in questa crisi, una crisi che ci sta dando l’opportunità di essere più vicini, più empatici, più umani”, prosegue William.

Sul piano logistico, non era facile approntare le tecnologie necessarie per garantire l’operatività in tutte le case dei collaboratori. I nostri colleghi sono stati molto grati, perché l’azienda ha pensato prima alle persone che ai numeri. Ciascuno di noi ha mantenuto il proprio lavoro e ha avuto l’opportunità di aiutare gli altri in un periodo difficile. Purtroppo in tanti altri casi le persone sono rimaste disoccupate”.

Adesso William e i suoi colleghi vogliono assicurarsi che il morale resti alto, perciò organizzano riunioni quotidiane per individuare eventuali problemi e risolverli. E tutti questi sforzi stanno dando i loro frutti.

Grazie alla nostra reazione immediata all’inizio della crisi, alcuni clienti ci hanno chiesto un incremento dei servizi per aprile, perciò stiamo svolgendo una formazione d’emergenza in videoconferenza per ampliare lo staff”.

#Real people real stories

Iscriviti per maggiori contenuti